domenica 20 maggio 2018

Arte in Giardino su OltretuttoRadio il Mercoledi conduce Alessandro Biagioli


http://www.radioltre.it/blog/arte-in-giardino/

Torna l appuntamento settimanale del mercoledi con Alessandro Biagioli alla conduzione del programma che si occupa di giardino ,piante ,fiori ,paesaggismo

domenica 6 maggio 2018

perchè l islam è pericoloso per la nostra cultura


i fatti di Lodi sono sintomatici di un pericolo forte per un anacronistico ritorno al passato,quando si concede alla comunita islamica di Lodi di ottenere un reparto fatto solo di medici e personale ospedaliero composto di solo donne significa che pericolosamente siamo di fronte ad un inizio di conquista etnico religiosa da parte dei seguaci di maometto
i romani veri non hanno mai smesso di credere agli deii ...io sono per demetra ,gli deii sono piu fantasiosi e simpatici non nascono dalla purezza ma accoppiamenti vari gia basterebbe questo per capire quanto siano piu vicino all uomo.i romani quelli veri conoscono la storia sanno che ad un certo punto rimanemmo vittime di una pulizia etnico religiosa venne un ebreo errante chiamato pietro e altri ne seguirono ed imposero complice un traditore come costantino la loro fede e il loro monoteismo fatto di castigazioni e pentimenti un dio che infligge punizioni piu che benevolenza .consci di questo oggi ci ereggiamo a difensori della ns cultura noi romani piu di altri perchè dopo 1600 anni non vorremmo di nuovo cedere sovranita ad un altro credo ..ci abbiamo messo 500 anni per uscire dall oscurantismo post impero romano e altri 1000 per tornare al nude look al libero accoppiamento senza remore o timori...questi arabi pericolosamente vogliono riportarci indietro e questo papa sempre piu simile a costantino sembra voler agevolare questa cosa perchè l oscurantismo è la fortuna della chiesa .quando saro imperatore supremo della galassia cancellero costantino e i nomi dei patrizi romani dalla storia
https://www.ilcittadino.it/cronaca/2018/05/04/islam-accordo-per-le-pazienti-solo-personale-donna-in-corsia/WQJRIUbJpytm80gLaGYox3/index.html

siamo giunti a poter disporre della ns nudita nell arte e senza veli ,tornare indietro non è piacevole e non vogliamo farlo


la modella è Valentina G.

martedì 24 aprile 2018

25 Aprile festa, ma de chi?

da italiano repubblicano convinto, il 25 aprile va festeggiato. per me andrebbe festeggiato insieme non l un contro l altro armato,ma va bene pure cosi ;quello che non capisco è questo modo di fare ecclesiale che hanno quelli che ritengono sia la festa loro e no una festa Nazionale quindi di tutto il popolo.la chiesa si basa su date e festivita dell impero romano ,mschia antico e vecchio testamento i cristiani per millenni hanno odiato gli ebrei ,ma Cristo era ebreo .cosi so i festeggiatori /fan del 25 aprile,mettono foto dei carri armati americani e vanno a mettere corone d alloro a via rasella un mix di cose fatte per fare del nulla o quasi un fatto religioso.li chiamano alleati e qualcuno ancora pensa che erano ns alleati.gli anglo americani sono sbarcati come invasori e conquistatori,la definizione è festa della Liberazione ,corretto sarebbe :passaggio dalla RSI all imperio Usa.sicchè festeggiamo un invasione ,storicamente quello è .la guerra l abbiamo persa senno avevamo un seggio al consiglio permanente dell Onu e foto tra i vincitori a Yalta state sereni non ci avete liberati ma venduti agli americani

venerdì 20 aprile 2018

i bulli scolastici di ieri e di oggi

primo ricordo:ottobre 1980 via Taranto è sbarrata dai bidoni d immondizia tre blindo della celere cammionette dei carabinieri e poliziotti vari da una parte dall altra collettivo politico duca d aosta costituito per lo piu da gente di democrazia proletaria ,megafoni sembra un film invece dopo due minuti partono le breccole e bulloni via fionda parte la carica Palma Antonio che arrivava sempre insieme a me fa:namo via scappamo Antonio è un maranga sa come se fa lo seguo e passiamo la mattinata a villa Lazzaroni.secondo ricordo :novembre lezione di elettrotecnica irrompe uno del quinto e dice: iprimini (cosi ci chiamavano a noi del primo anno)tutti fori cè assembleaaa ,moveteve è successo un fatto che va discusso !!il prof.muto ci invita ad andare ,scendiamo in aula magna trasformata come i migliori coffee shop di Amsterdam gente che fa gira er carciofo una mega canna ,gente che ride ,partono a suonare una musica mezza folk mezzo rock,poi ahooo zitti è il capo del collettivo politico che attacca una pippa sul siindacato polacco ,tipo tre ore di quasi monologo poi fa :compagni che ne pensate ,rifletto un attimo e realizzo che me so svegliato alle 06.15 per non concudere quasi nulla e poi non so un compagno ,sicche decido insieme a Carlin Alessandro che se damo ,arriviamo al primo picchetto di fatto da gente del quinto ricordo uno che in perfetto stile che noi del fdg chiamavamo da zecca indossava jeans stivali in gomma verde con para gialla ,camicia biancha e gilet marrone la faccia alla Volonte moro mezzo riccio occhi marroni/nero,che fa :n do annate timidamente rispondiamo al bagno ed invece se damo verso l uscita ,li cè il picchetto di queli de fori la scuola ,disoccupati,nulla facenti ,gente insomma che si alzava la mattina per anna fa casino,lampo de genio di Alessandro che fa:passamo dal quinto piano che li cè na porta che ci connette alle medie ed usciamo da li--terzo ricordo è dicembre fa un freddo tremendo piove fino fino ,arrivo a scuola tardi che il treno ha fatto ritardo trovo l esterno trasformato in un aula con i banchi e lesedie una cattedra cè sempre sto capo del collettivo un tipo alla veltroni che invita i compagni ad aprire gli ombrellli e fare dibattito/lezione su di un compagno pestato dai fasci e cosi la mattina stiamo tre ore all aperto a fare questa lezione cosi come sfollati per solidarieta ,il preside muto,i prof.quasi tutti ,perchè qualcuno è un compagno e non ha paura di dirlo cè una prof.di lettere quella che mi fara bocciare tre anni dopo con la frase :io i fasci avanti non cè li porto .io ero bravo niente di eccelso ma mi interrogava per un ora e mezza ,ai temi mai piu di 5 e mezzo ai suoi seguaci minimo era sempre 8.quarto ricordo :esco dalla metro A Termini hanno sparato al papa ,gli strilloni vendono l edizione straordinaria di Paese Sera nella mia mini radio Am con auricolare suona Per Elisa di Alice è la canzone vincitrice del festival di sanremo e radio2 la trasmette quasi sempre a quell ora a scuola mia facciamo i doppi turni si esce alle 19.30 a Termini è un caos vero tutto bloccato ,la Ste.fe.r.non parte prima delle 20.30 non ho un soldo per chiamare casa , un telefono a gettoni spingo il tasto ne scende uno chiamo casa è interrurbana come rispondono scende il gettone e non riesco a dire nulla.arrivo a casa alle 23.00 circa il mattino cè il cambio turno e mi devo alzare alle 5.45 arrivo a scuola niente lezione il collettivo ha deciso che niet si fa sit in di protesta e i prof.muti e il preside muto....e sono solo i primi 5 mesi di scuola ...io non mi sento meglio dei bulli odierni,per combatterli io allora sclesi di stare dall altra parte ci riuscimmo ma a caro prezzo fummo bocciati in sei ,ma la scuola ormai era libera dal collettivo del 6 politico a tutti i costi -oggi non saprei come intervenire sicuro la politica ha il suo ruolo, i vaffa day ,il potere stile collettivo delle mamme al bar la mattina contro il corpo docente,gli scarsi stipendi dei prof che ledono la dignita',la scuola/prigione sempre chiusi tra 4 mura .sono cose che vanno ripensate ,uno varra forse uno.ma va spiegato che un alunno non vale come un professore.